Luglio 25, 2021

The Teller

The Teller porta le ultime notizie dall'Italia e dal mondo su ultime notizie, titoli di notizie di oggi, politica, affari, tecnologia, Bollywood, intrattenimento, sport e …

Guida ai migliori stili di Buglia, Toscana e non solo

Terracotta, terracotta, maiolica, porcellana: la ceramica italiana si presenta in molte forme. Sebbene tutti sappiano che il Made in Italy si riferisce alla qualità, potresti non renderti conto di quante tradizioni ci siano quando si crea un tablet e altri oggetti di design. Perché le tradizioni ceramiche italiane erano storiche e ancora regionali. Laddove viene prodotta la ceramica, come la Toscana, l’Umbria, la Costiera Amalfitana, la Sicilia e la Buglia, possono sovrapporsi, ma assicurati di trovare stili, forme e disegni diversi. Si noti il ​​fatto che fino al 1870 l’Italia non era un paese unificato, ma piuttosto diversi regni e papi.

La maiolica, la parola per ceramica stagnata, fu portata in Italia dalla Spagna moresca nel Medioevo. UN Guida alla Collezione del Museo Internazionale della Ceramica Fanza descrive questi primi esempi di ceramica come “ornati di strumenti zoomorfi, vegetali, iscrizioni e armi, spesso dedicati alle famiglie e alle celebrità della città”. Durante il Rinascimento, gli artisti della ceramica iniziarono a dipingere donne idealizzate, creando infine uno stile. Storia, Che raffigura storie della mitologia, della Bibbia o della storia romana.

Questo stile si trova ancora nei negozi di antiquariato di tutta Italia ed è oggetto di revisione da parte di artigiani come Stefania Portarena, che ha un piccolo laboratorio di ceramiche e boutique chiamato Arbia Ad Arvito. Piastrelle, lanterne, piatti e brocche sono adornate da creature meravigliose come le arpie che portano il volto di una donna e il corpo di un uccello. “Ciò che mi ispira sono le ceramiche medievali dal 1000 al 1300. In primo luogo, ceramiche medievali, ciotole, bicchieri – cose da usare ogni giorno in cucina – e i disegni sono molto semplici, quasi infantili”, afferma Portarena. La casa è bellissima, Spiega che nella ceramica medievale c’erano principalmente foglie, disegni geometrici, nodi, arpie e pesci. “Prendo ispirazione da questo periodo, rivisitandolo e modernizzandolo.”

READ  Il presidente afferma che l'Italia non ha mai smesso di proteggere i rifugiati - EURACTIV.com

Portarena è tutt’altro che l’unico artigiano che modernizza le antiche tradizioni italiane. Vai in un concept shop chic o in una boutique di decorazioni per la casa in qualsiasi parte d’Italia e troverai piatti con scrostature che ricordano i dipinti di Jackson Pollock, ma potrebbero provenire da un laboratorio sulla scia dell’apertura italiana Paclia.

Piatto in maiolica con leone, 1400 circa.

Getty Images

Porcellana italiana

Brocca in maiolica a due manici, 1350 circa.

Getty Images

“Ora è uno stile popolare, ma all’inizio del secolo scorso, negli anni ’20 e ’30, è stato restaurato, un modo per non buttare via gli oggetti mal ceduti”, ha detto Enza Fasano, titolare Nome Boutique A Buglia la pittura si riferisce a cibi sparsi. Oggi possono essere la metafora estetica vecchio stile preferita da influencer del lusso come Instagram Influence e Borgo Egnacia, ma all’inizio erano solo antichi. “Questa è una riproduzione della nostra vecchia tradizione, fatta di schizzi verdi, e molti anni fa abbiamo iniziato a dipingere questi schizzi in colori come blu, arancione, verde, rosso, viola – tutti i colori che erano di moda”, ha detto Fasano. Persone da tutto il mondo viaggiano per visitare la sua bottega nella città di Crotacli, dove porta le sue ceramiche a una mostra di design a Milano nel 1964 e ringrazia suo padre Nicola, che ha avviato un movimento per ripristinare il patrimonio artigianale. Minacciato dall’arrivo della plastica.

Questo contenuto è stato importato da Instagram. Puoi trovare lo stesso contenuto in un formato diverso o trovare maggiori informazioni sul loro sito web.

Ad eccezione dell’Umbria e della Paclia, i fanatici della ceramica devono recarsi alla spiaggia di Amalfi e in Toscana. Per deliziose tavolozze dipinte con vivaci colori mediterranei con polli, pesci e altri animali, dovresti andare a Vietri Zul Maru sulla spiaggia di Amalfi. La città è piena di studi di ceramica Ceramiche d’arte Soliman, Uno studio di successo a conduzione familiare i cui piatti si possono trovare negli hotel di fascia alta e nei ristoranti alla moda. Nelle vicinanze di Isia, Coromos Vende ceramiche fatte a mano decorate con frutta e fiori come vedute di isole come limone, melograno, uva e girasole.

READ  L'ospedale italiano usa la TAC per rivelare i segreti della mummia egiziana

In Toscana puoi trovare disegni e forme geometriche simili, anche se i colori sono leggermente più tenui rispetto ai modelli che vedi sulla spiaggia di Amalfi. Sebbene Firenze sia piena di negozi che vendono ceramiche, la maggior parte della produzione avviene in città come Cesto Pierrendino e Certolto Aldo. Ricerca Ceramica Artesia Potete trovare una delle titolari, Cinzia Orsi e Monica Lazerini. Sono uno degli artigiani italiani più dedicati che possiede l’arte di far rivivere la ceramica dipinta a mano.


Segui la casa Instagram.

Questo contenuto è creato e gestito da terze parti e viene importato in questa pagina per fornire agli utenti i loro indirizzi e-mail. Puoi trovare maggiori informazioni su questo e altri contenuti simili in piano.io.