Luglio 25, 2021

The Teller

The Teller porta le ultime notizie dall'Italia e dal mondo su ultime notizie, titoli di notizie di oggi, politica, affari, tecnologia, Bollywood, intrattenimento, sport e …

Euro 2020 elimina Euro 2020 su Italia Svizzera | Euro 2020

Questo non è un trapano. Sei giorni dopo Euro 2020, l’Italia è diventata la prima squadra a qualificarsi per la fase a eliminazione diretta, con due gol brillanti di Manuel Locatelle, un altro di Zero Immobile e una dimostrazione di forza combinata, il resto del campo a cui fare attenzione. Emozionati e uniti, la palla è veloce e frenetica senza di essa, efficiente e divertente, questa squadra italiana è stata finora l’espressione della competizione, qui non ci sono risposte per la Svizzera.

Quello di Roberto Mancini, uno dei vincitori del titolo 2019-20 del Liverpool per la squadra italiana, è un moderno 4-3-3 completo con audaci terzini alti, ali di pressing brillanti e la capacità di controllare il possesso palla. Nel bel mezzo di un’atmosfera festosa allo Stadio Olimpico, l’Italia ha messo a tacere la partita nel giro di un’ora, estendendo l’imbattibilità a 29 partite, di cui le ultime 10 vittorie a porta inviolata.

Venerdì hanno battuto la Turchia 3-0. La vera domanda è se possono fornire lo stesso trattamento a un avversario migliore dopo l’esplosione turca contro il Galles il giorno precedente. Nella prima mezz’ora dell’intervallo l’Italia sfonda gli svizzeri, caratterizzati da attacchi veloci e gioco di pressione integrato, avanzando con Locatelli.

Mancini ha avuto il lusso di nominare la squadra quasi invariata, con Giovanni de Lorenzo alla destra dell’infortunato Alessandro Florence e Francesco Acerpi di Lacio a sostituire nel primo tempo l’infortunato capitano Giorgio Cielini. A parte questo, era più o meno come al solito.

Jorginho, Locatelle e Nicole Barella controllavano il centrocampo; Leonardo Spinoza è di nuovo davanti a un bolide che avanza da sinistra. Questa è la bella spirale e croce di Spinozola, immobile avrebbe dovuto mettere in risalto l’Italia dopo 10 minuti.

Ciro Immobile ha segnato il terzo gol dell’Italia nel finale. Foto: Alessandra Tarantino / Reuters

Il gol non autorizzato di Cielini – ha gestito la palla poco prima di scivolare da distanza ravvicinata all’angolo di Lorenzo Insane – ha fornito solo un riposo temporaneo. Al 26′ Locatelle esce per la prima volta da Dominico Ferrari sulla destra. Invece di ammirare la sua opera, corse. Mentre Ferrari girava, girava e attraversava, Locatelle era nel posto giusto per colpire la palla, correndo per 50 metri per completare la mossa che aveva iniziato.

La Svizzera non è male: a differenza della Turchia, si vedono le ossa di un progetto, lavorare la palla di traverso prima di liberare Harris Seferovic e Briele Embolo. Ma mentre cercavano pazientemente di costruire, si trovavano costantemente in agguato tra le onde blu. Mentre Acerpi e Leonardo Bonucci ingoiano tutto in aria, il lancio lungo non è una scelta. Quindi, la brillantezza delle idee, si sono semplicemente seduti: il pubblico nel proprio gioco competitivo.

Il secondo periodo è iniziato almeno un po’ più uniformemente, poiché la Svizzera è salita leggermente e ha goduto di qualche magia. Anche questa si è rivelata una terribile illusione. In effetti è giocare con i tempi italiani, trattenere il respiro, chiedere pressione per creare spazio per se stessi. Locatelle avanza di nuovo sul dischetto al 6′ dell’intervallo, raccogliendo il passaggio sguarnito di Parella e osservando le guardie svizzere lasciarlo.

Tifosi italiani nella fan zone di Piazza del Popolo a Roma
Tifosi italiani felici nella fan zone di Piazza del Popolo a Roma. Foto: Filippo Montiford / AFP / Getty Images

Quindi lasciate che Lokadelli voli da 22 metri. Era una specie di interazione piacevole, un piano di palla, un tipo soddisfacente contro la rete, che avrebbe segnalato a Locatelli che sarebbe stata una di quelle notti: fai tutto quando i pianeti sono allineati e le lunghezze d’onda sono giuste. Yan Somer non si preoccupa nemmeno della città.

Quindi, visto che la vittoria è al sicuro, può iniziare la parte informale della serata. A Insine e Ferradi sono stati concessi gli ultimi 20 minuti di permesso; De Lorenzo ha messo la sua linea maschile per parare un tiro del deludente Sherdon Shakiri; Gianluigi Donorumma, il nuovo acquisto del Paris Saint-Germain, ha risparmiato pochissimo dal subentrato Steven Juper.

A due minuti dalla fine, Immobile ha finalmente trovato il suo obiettivo e Rafael Dolly ha colpito la palla da lontano dopo che ha colpito la parte superiore del campo. In due partite l’Italia sembra una squadra senza gravi debolezze.

Febbre: Iscriviti e ricevi la nostra email quotidiana sul calcio

READ  I colloqui del G-20 in Italia promettono di combattere la fame in Africa