CONDIVIDI

È iniziata oggi sulle nevi di Cervinia la 38° stagione dello Sci Club di Coriano. Una realtà nata nel 1980, ma che ancora dimostra una grande vitalità raggruppando circa 2000 soci in tutta la provincia di Rimini e non solo. “Abbiamo persone che arrivano dalle vicine Marche e qualcuno anche da Bologna” spiega il presidente Flavio Galli che da anni guida un gruppo di appassionati sciatori.

Lo Sci Club di Coriano porta i suoi soci per le piste di tutto l’arco alpino: dalla Val d’Aosta con Cervinia, al Veneto con Cortina d’Ampezzo, passando dal Trentino con Madonna di Campiglio, Pinzolo e la Val di Fassa. “Quest’anno torniamo anche al Passo del Tonale e a Plan de Corones, entrambe destinazioni richiestissime – spiega Galli – due luoghi che piacciono molto agli appassionati. Inoltre, come ogni anno, organizzeremo delle uscite giornaliere a Sestola, al monte Cimone. A prezzi davvero popolari riusciamo ad avvicinare tante persone allo sci, soprattutto i più giovani”. Non mancano anche le uscite più “particolari”, con la visita di luoghi suggestivi e molto significativi anche dal punto di vista storico. È il caso del “Giro della Grande Guerra”, dove gli appassionati potranno visitare alcuni dei luoghi teatro di scontri durante la I Guerra Mondiale. “È un giro itinerante di circa 100 km in due giornate – spiega ancora Galli – si scia attorno al Col di Lana (Belluno) che durante la Grande Guerra è stato ribattezzato ‘Col di Sangue’ per via delle numerose battaglie che si svolsero alle sue pendici”.

Veduta dal passo Falzarego (Veneto)
Veduta dal passo Falzarego (Veneto)

Lo Sci Club di Coriano mette insieme sciatori di tutte le età, dai bambini alle persone di età più avanzata. “Accogliamo davvero tutti – continua Galli – da noi ci sono famiglie, ragazzi e adulti. Tra i soci c’è anche un signore di ben 80 anni e devo dire che se la cava ancora piuttosto bene con gli sci” scherza il presidente. Anche il livello tecnico degli associati è vario, a dimostrazione della natura inclusiva dell’associazione. “Abbiamo diversi gruppi al nostro interno, dai principianti ai più esperti. È chiaro che la partecipazione alle nostre attività dipende anche dal tipo di percorso che andiamo ad affrontare. In ogni caso, non c’è nessun tipo di preclusione”. Il club può vantare anche un buon movimento a livello agonistico: ogni anno ci sono campionati dove si gareggia con gli sci club delle altre province, con categorie che vanno dai bambini ai master e relative classifiche che riguardano gli stessi club.

Ma l’aspetto che più piace agli iscritti e che continua a segnare la grande adesione al club è sicuramente quello della socialità. “Tutte le volte si crea una compagnia nuova – osserva Galli – persone che non si conoscono o che si vedono poco,  si incontrano e si ritrovano per sciare. Sono tante anche le persone sole che ci contattano per partecipare alle nostre attività. Numerose le donne che ci chiedono l’adesione”.  Stare insieme grazie allo sport, insomma, senza dimenticare tutte le attività che gli fanno da contorno. “I soci si ritrovano di sera per la cena e per disputare tornei di carte. Ovviamente si approfitta dell’occasione dello sci, anche per visitare i luoghi e sfruttare l’aspetto più vacanziero delle nostre trasferte” osserva ancora il presidente.

Gli sciatori dello Sci Club Coriano in Val Badia
Gli sciatori dello Sci Club Coriano in Val Badia

Come fare per entrare a far parte di questa grande famiglia? Le iscrizioni possono essere effettuate direttamente on-line nel sito dello sci club, prima delle partenze oppure nelle agenzie di viaggio partner dello Sci Club di Coriano. Le tessere hanno un costo di 10 euro. È possibile iscriversi e trovare il programma neve completo 2018/2019 in tutte le agenzie Sigismondo Travel Group, a Rimini, Santarcangelo di Romagna e San Mauro Pascoli.

CONDIVIDI