CONDIVIDI

E’ suonata questa mattina la prima campanella del nuovo anno scolastico 2017/2018 per i 10.739 studenti riminesi (a cui vanno aggiunti i 9.767 studenti iscritti nelle scuole secondarie superiori di Rimini). Un anno con tante novità; non solo le nuove normative nazionali e regionali relative all’obbligo vaccinale per gli alunni, ma anche la gestione integrata di alcune strutture comunali per l’infanzia per il triennio 2017-2020, il nuovo sistema di trasporto scolastico in seguito al bando pubblico che si aggiunge ai tanti servizi di supporto al diritto allo studio, il sostegno all’handicap.

Proprio per verificare di persona le novità e salutare di persona gli studenti e il personale scolastico, l’assessore ai servizi educativi del Comune di Rimini, Mattia Morolli, si è recato in alcune istituti della città. Sul tema dei vaccini tutto si è svolto senza problemi; i dirigenti e il personale del Comune di Rimini hanno verificato da vicino, nel corso della mattinata, la situazione dei diversi istituti scolastici del territorio, in cui nessun caso di criticità o caso è emerso o è stato segnalato. Un fatto comunque positivo.

Il mio vuole essere semplicemente un saluto e un augurio di buon anno scolastico – ha commentato Morolli – a voi e alle vostre insegnanti. Oggi entrate nelle vostre scuole, alcuni di voi per la prima volta, altri ripetendo un percorso già conosciuto, ma sempre carico di emozione, di sogni e, diciamolo, anche di qualche timore e titubanza. A tutte e tutti voi vanno i miei migliori auguri di buon inizio e buon lavoro. La campanella che suona vi richiama all’impegno e allo studio. Ma vi apre anche le porte di quella che è la comunità più importante , quella che nell’educazione trova il fondamento per quei valori comuni di convivenza e rispetto civile mai come oggi così importanti da difendere e portare avanti tutti insieme”.

Tra le principali novità quella delle nuove norme relative all’inserimento dell’obbligo vaccinale. “Un cambiamento importante che non ha però causato nessun problema rilevante nelle strutture scolastiche riminesi- commenta l’assessore Morolli-. Nei prossimi giorni avremo un quadro più chiaro della situazione, allorché sarà completato il quadro delle certificazioni e della documentazione necessaria, dopo le ‘corse’ di questi ultimi giorni e di queste ultime ore e dopo l’accoglienza ‘flessibile’ adottata in tutto il territorio regionale. Certo è che come Rimini, una volta definito con esattezza lo scenario insieme all’Ausl e alle istituzioni competenti, faremo rispettare con rigore la legge in materia, tanto più alla luce degli ultimi dati sulle coperture vaccinali che vedono la provincia riminese ultima per distacco rispetto alle altre realtà in regione. Non possiamo permetterci né tentennamenti né ritardi”.

CONDIVIDI