CONDIVIDI

La Giunta comunale approva il progetto di Wedding Destination che ha l’obiettivo di inserire a pieno titolo la Città di Rimini tra le destinazioni più attrattive dove poter celebrare il proprio matrimonio.

Tutte le statistiche confermano infatti come il wedding tourism sia fenomeno in fortissima crescita nel mondo, specie in Italia dove solo nel 2015 i matrimoni delle coppie di stranieri in località italiane hanno generato circa 334mila arrivi e oltre 1,1 milioni di presenze.

Alla luce di questi dati il wedding tourism risulta tra le più forti leve di valorizzazione territoriale, in grande crescita in tutto il mondo perché sempre più il matrimonio viene considerato l’evento per eccellenza da condividere con parenti e amici e da celebrare in luoghi suggestivi per renderlo indimenticabile. Una crescita costante quella del turismo dei matrimoni capace di generare valori economici in Italia in costante crescita.

L’Italia è considerata da questo punto di vista un mix unico al mondo di bellezza e romanticismo e Rimini, con le sue bellezze storiche e artistiche oggi valorizzate dal frutto del lavoro dei cantieri culturali conclusi e in corso di realizzazione nonché dall’inaugurazione della nuova casa dei matrimoni in un luogo di grande fascino come quello della spiaggia accanto al porto di Rimini, si candida ad essere una delle destinazione dove celebrare il proprio sogno.

La città di Rimini, metafora delle vacanze degli italiani e sintesi del fascino dell’Italia e dell’Italian Style, si candida così su questo nuovo mercato con un proprio progetto organico capace di intercettare nuovi flussi turistici, sviluppando le proprie caratteristiche e capacità attrattive.

Rose Wedding 03

Il progetto approvato dalla Giunta verrà realizzato da Rimini Reservation.

Si propone di fare di Rimini una Wedding Destination competitiva a livello nazionale ed internazionale riappropriandosi di alcuni spazi identitari, definendo una campagna di comunicazione coordinata e di promozione territoriale adeguata, così da intercettare un nuovo mercato turistico e realizzare un nuovo prodotto per la città che possa accrescere opportunità di lavoro, soprattutto destagionalizzato.

Obiettivo sarà la messa a sistema dell’offerta locale che ruota attorno a questa tipologia di mercato, creando una rete di soggetti pubblici e privati, d’imprenditori del territorio capaci di un’offerta di qualità, individuando nuovi spazi dal grande fascino e location suggestive della città per accrescere l’appeal di Rimini come luogo unico dove poter celebrare matrimoni.

Ruolo fondamentale sarà dunque quello delle location, offrendo ulteriori spazi suggestivi rispetto a quelli tradizionali, mettendo in gioco luoghi identitari della città nonché i propri monumenti dove celebrare il rito civile, come avvenuto solo poche settimane fa con l’inaugurazione della Casa dei Matrimoni. Tra questi i nuovi luoghi per la celebrazione del rito civile e simbolico potrebbero esservi il Teatro Galli, inaugurato da Giuseppe Verdi nel 1857, il Giardino Lettimi, una volta conclusa la riqualificazione, Castel Sismondo, la fortezza del metà 1400 dove convivono tradizione medievale e cultura rinascimentale, il Giardino dell’ Ala nuova del Museo della Città, il Giardino del Grand Hotel, monumento nazionale dal 1994, luoghi dal grande fascino capaci di rappresentare location ideali per la celebrazione di cerimonie sia civili che simboliche.

Con la delibera approvata, la Giunta comunale ha così affidato il compito di sviluppo del progetto a Rimini Reservation, la società partecipata del Comune di Rimini, che dovrà coinvolgere con imparzialità e neutralità l’intera filiera di servizi che ruota attorno al matrimonio: alberghi, wedding planner, ristoratori, catering, fioristi, fotografi, film maker, etc.

Tra le prime azioni in programma la creazione di una landing page dedicata, di un video teaser promozionale, l’allestimento della casa dei matrimoni come luogo di rappresentanza di Rimini Wedding Destination, la gestione della casa dei matrimoni e degli altri luoghi di competenza del Comune di Rimini che saranno individuati e inseriti, in collaborazione con l’amministrazione, dove poter celebrare le nozze, la creazione di proposte di incoming e di pacchetti dedicati, la creazione di una rete di fornitori dove l’utente potrà visionare con facilità l’ampia gamma dei servizi offerti.

Tra le attività di comunicazione e promozione, la partecipazione accanto ad Apt alle principali fiere dedicate al Turismo ed un’attenzione particolare ai mercati esteri, fino al mercato cinese con il quale Rimini ha già avviato una collaborazione con la città di Shanghai, tramite l’operatore Rose Wedding, per lanciare Rimini come set ideale per il turismo cinese legato ai viaggi di nozze all’estero. La città di Rimini accoglie le neo coppie di sposi cinesi a Rimini con un certificato istituzionale rilasciato dal Sindaco e un piccolo dono: una pergamena a ricordo del loro indimenticabile viaggio di nozze e materiali promozionali della città in mandarino.

“Une destinazione turistica come Rimini – commenta il Sindaco Andrea Gnassi – che lavora per innovarsi e per riqualificare i suoi motori culturali e luoghi identitari, deve proporsi sul mercato turistico anche attraverso la specializzazione delle offerte, adeguandosi alle esigenze di una domanda sempre più attenta alla qualità e alla proposta di turismo esperienziale del prodotto. Dopo l’inaugurazione della Casa dei matrimoni, ora la sfida è quella di ampliare il ventaglio dei luoghi di prestigio dove si possono celebrare i matrimoni di rito civile o simbolico, creare una rete di servizi integrati di qualità, presentarli usando i linguaggi della contemporaneità, e avviare al contempo un progetto promozionale di wedding destination che guardi all’Italia e al mondo”.

Rimani aggiornato: metti “Mi Piace” a The Teller.

CONDIVIDI