CONDIVIDI

Cinque tonnellate di alimenti non idonei al consumo e privi di qualsiasi forma di tracciabilità ai fini della sicurezza alimentare, per un valore di oltre 300mila euro. Sono i prodotti sequestrati dai Carabinieri del Nas nell’ambito di 150 controlli di inizio estate nelle province di Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini in ristoranti, pizzerie, bar, gelaterie, campeggi e villaggi turistici. Sono 18 le persone denunciate in regione, mentre altre 45 sono state segnalate in via amministrativa per carenze igienico sanitarie e possesso di alimenti in cattivo stato di conservazione, con violazioni per oltre 100mila euro. Nel Bolognese sono due i denunciati per detenzione di alimenti in cattivo stato di conservazione, quattro le attività di ristorazione e bar sospese, 24 gli operatori multati. Nel Riminese è stato invece sospeso un albergo dal valore di circa tre milioni per carenze igienico-sanitarie e per aver attivato 50 posti letto in esubero rispetto alla capacità ricettiva autorizzata.