CONDIVIDI

Si è conclusa ieri sera nel Ravennate la fuga del cittadino kosovaro 43enne che la mattinata di sabato, al culmine di una lite, aveva aggredito la moglie, nella loro abitazione a Forlì, lanciandole dell’acido sul volto, colpendola con un coltello e provocandole alcune fratture al cranio, prima di fuggire in auto portando con sé i figli di 12 e 14 anni.

L’uomo è stato fermato dai Carabinieri, che avevano avviato immediatamente le ricerche, mentre stava viaggiando sulla sua vettura. I due bambini stanno bene mentre il padre è stato condotto al comando provinciale dei militari di Forlì per dare esecuzione al decreto di fermo emesso dal sostituto procuratore di Forli-Cesena. La moglie ferita, che non è in pericolo di vita, si trova ricoverata in ospedale nel reparto di medicina d’urgenza dove si trova tutt’ora. A limitare i danni legati al lancio della sostanza acida, l‘intervento dei vicini di casa che avevano tempestivamente ripulito il viso della donna con della carta bagnata.

CONDIVIDI