CONDIVIDI

Quella di ieri è stata una giornata davvero buia per le due ruote sulle strade romagnole, una tragedia senza fine per scooteristi e motociclisti il cui bollettino nero si aggiorna di ora in ora. Già nella notte era giunta la terribile notizia di Ravenna con la morte dei tre motociclisti sulla Ravegnana, per poi continuare nella sua scia di sangue con l’impatto tra lo scooter e il Porsche Cayenne sulla Statale di Riccione, e infine i due decessi di Bellaria e Cervia per chiudere la giornata nera delle moto in Romagna. Raccontare giornate buie come quella di ieri apre inevitabilmente a una riflessione su questa piaga che segna il nostro territorio (come purtroppo tanti altri ndr.) ogni estate. Distrazioni e alta velocità alla base di incidenti che troppo spesso potrebbero essere evitati e che invece finiscono sulle pagine dei giornali, distruggendo famiglie e segnando per sempre le persone che ne sono coinvolte.

Secondo gli ultimi dati Istat disponibili per la prima volta dal 2001 il numero di vittime di incidenti stradali è tornata a salire. Nel 2016 sono stati circa 3400 i decessi in seguito ad incidenti stradali, di questi oltre 2000 sono stati motociclisti, ciclisti e pedoni, segno che il pericolo a piedi o sulle due ruote è decisamente elevato. Spaventoso il numero di feriti, sembra un bollettino di guerra, nel 2016 sono stati 240mila, di questi più di 15mila solo in Emilia Romagna.

Molto spesso gli incidenti sono dovuti a cause di forza maggiore o a inadeguatezza delle infrastrutture, ma altrettanto spesso alla base ci sono comportamenti sbagliati e infrazioni del codice stradale. Secondo Istat e Fondazione Ania tra i comportamenti errati più frequenti, sono da segnalare la guida distratta, il mancato rispetto delle regole di sicurezza e precedenza e la velocità troppo elevata (nel complesso il 44,0% dei casi). Le violazioni al Codice della Strada più sanzionate risultano, infatti, l’eccesso di velocità, il mancato utilizzo di dispositivi di sicurezza e l’uso di telefono cellulare alla guida.

Rimani aggiornato: metti “Mi Piace” a The Teller.