CONDIVIDI
Edson Tavares in aula

Non c’era Gessica Notaro e neanche la calca di giornalisti e fotografi che accompagna di solito la 28enne aggredita con l’acido lo scorso 10 gennaio. Ma è stata comunque un’udienza importante del processo che vede l’ex fidanzato, Edson Tavares, accusato di stalking. Il capoverdiano ha voluto essere in aula mentre l’ex Miss Romagna non si è presentata per motivi di salute. Ha da poco subito un delicato intervento all’occhio e probabilmente dovrà subirne molti altri. Davanti al giudice hanno sfilato alcuni testimoni chiave del processo, periti, agenti di polizia ma soprattutto l’ex fidanzata di “Eddy” e amica della stessa Gessica.

Nicole, 19 anni, ha raccontato di aver conosciuto il capoverdiano al Coconuts (una discoteca riminese) nell’agosto 2016 e di aver avuto una relazione con lui di circa due mesi. La 19enne ha poi spiegato come è nata l’amicizia con Gessica. E’ stata proprio la Notaro a contattarla su Facebook dicendole di essere preoccupata che Eddy potesse suicidarsi. Un’amicizia fra le due ragazze, che infastidiva molto il capoverdiano. La testimone ha poi raccontato di aver lasciato Tavares per sospetti tradimenti, al culmine di una lite in cui sono addirittura venuti alle mani. Dalla testimonianza è emerso che “Eddy” fosse in possesso di alcuni video hard di Gessica e avesse intenzione di pubblicarli. In un incontro avvenuto dopo la fine della loro relazione Edson le avrebbe anche detto di essere ancora innamorato della Notaro.

Molto importante anche la testimonianza di un agente di Polizia, intervenuto a maggio 2016 al Delfinario di Rimini, in seguito a una violenta lite tra il capoverdiano e un collega di Gessica, il cubano Allen Linares (poi diventato il fidanzato della Notaro). Un episodio inquietante in cui sarebbe spuntato anche un coltello, sintomo della gelosia ossessiva di Tavares. La lite aveva causato anche un malore a Gessica, che era stata trasportata in ospedale. Tra i testimoni escussi anche un perito informatico che ha estrapolato un file audio dallo smartphone del capoverdiano, una conversazione tra lui e la 28enne, ritenuta utile dai difensori di Tavares.