CONDIVIDI

Nasce in Romagna la prima app-antifurto per arnie. Il primo antifurto a misura d’ape è frutto del lavoro di due giovani romagnoli, Roberto e Gabriele, BEEing, la prima startup che si occupa di api dando agli apicoltori innovativi sistemi di monitoraggio degli alveari. Oggi le api sono sempre più a rischio di estinzione per due principali fattori: gli agenti chimici usati in agricoltura e i continui furti agli apicoltori. Partendo da questo Roberto e Gabriele hanno dato vita a BEEing che, a pochi mesi dalla sua nascita, è già sul mercato con un antifurto gps, invisibile dall’esterno, che permette all’apicoltore di monitorare dal proprio smartphone tutti gli spostamenti dell’arnia.

Questo oltre a rendere possibile l’intervento, e la rintracciabilità, in caso di furto, funziona anche in caso di calamità naturali come le alluvioni. Per renderne accessibile l’utilizzo sono state utilizzate SIM innovative che permettono all’antifurto di lavorare con qualsiasi operatore telefonico. Sulla startup ha già messo gli occhi Google Italia, che tramite LuissEnlabs l’ha selezionata per il percorso di accelerazione Android Factory che l’11 aprile presenterà le migliori idee di impresa ad una platea di investitori e ai rappresentanti di Google.