CONDIVIDI

Da fuori si fa fatica a immaginare Rimini, capitale italiana assoluta della movida e del divertimento, come una città universitaria in cui ogni anno centinaia di ragazzi si trasferiscono per frequentare uno dei corsi di laurea del polo dell’Università di Bologna.

Ma come si vive da fuorisede a Rimini? Lo abbiamo chiesto a Stella, Lorenzo e Ambra, studenti universitari nella città felliniana.

Da dove vieni e quanti anni hai?
Stella:
Vengo da Bari e ho 20 anni.
Lorenzo: Vengo da Agropoli in provincia di Salerno e ho 19 anni.
Ambra: Vengo da Imola e ho 23 anni.

Da quanto abiti a Rimini? Cosa studi?
Stella:
Sono a Rimini da un anno e studio Culture e Tecniche della Moda.
Lorenzo: Mi sono trasferito qui da 3 mesi e studio Economia del Turismo.
Ambra: Da settembre 2012, ho studiato Economia del Turismo e ora sto svolgendo un tirocinio formativo in un’azienda.

Perché hai scelto Rimini come meta per i tuoi studi? Come ti sembra la città?
Stella:
Perchè volevo studiare moda e allo stesso tempo avvicinarmi al mio ragazzo, che studia a Bologna. La città è molto bella, c’è sempre qualcosa da fare.
Lorenzo: Ho scelto Rimini perchè è il posto migliore per il corso di laurea che sto seguendo. La città mi piace tantissimo!
Ambra: Perche l’unica sede di Economia del Turismo è a Rimini, è una cittá di mare e mi piace molto.

Vivere a Rimini è costoso a livello di vita e di affitti?
Stella:
Eh insomma, al sud sicuramente gli affitti sono più bassi, però rispetto a Bologna è molto economica: il mio ragazzo spende il doppio di me e abita in una catapecchia! Anche a livello di vita i costi sono più alti rispetto al sud.
Lorenzo: Condivido una casa in centro con 2 ragazzi e per quanto riguarda costi e affitti, secondo me, siamo nella norma.
Ambra: Sicuramente meno cara di Bologna!

Cosa ti manca di più della tua città?
Stella:
Non odiatemi, ma il vostro mare non è degno di essere chiamato tale! Battute a parte, ovviamente la famiglia e gli amici, ma anche il cibo!
Lorenzo: Il mare e il sole, tipico terrone! (ride)
Ambra: Gli amici, i genitori e i punti di ritrovo.

Hai un lavoro o sei studente a tempo pieno?
Stella:
Studentessa a tempo pieno.
Lorenzo: Per il momento studio a tempo pieno, però sto cercando un lavoretto che non mi impegni troppo.
Ambra: Sono una tirocinante.

La cosa più strana che ti è successa da quando sei a Rimini?
Stella:
Un giorno camminando per il centro mi hanno fermata per chiedermi se volevo diventare una modella! Ovviamente era una fregatura, era solo un ragazzo che voleva provarci.
Lorenzo: Rimini è una città molto aperta, anche un po’ trasgressiva sotto certi aspetti. In discoteca mi è capitato di asistere a scene assurde, ragazzi che si impasticcavano, ragazze nude, transessuali, e parlo di alcune tra le discoteche più famose della città.
Ambra: Sentire il terremoto!

Una cosa positiva e una negativa di Rimini?
Stella:
A Rimini è impossibile annoiarsi, ci sono sempre eventi e anche le zone intorno alla città sono bellissime, si possono fare tante gite. Negativa il clima, d’inverno è freddissimo!
Lorenzo: Positiva sicuramente la movida, negativa non saprei.
Ambra: Il centro è molto bello e pieno di vita, sia d’estate che d’inverno; invece sul mare d’inverno non c’è nessuno!

Ti piacerebbe restare a Rimini una volta finiti gli studi?
Stella:
Forse, mi piacerebbe anche trasferirmi a Bologna così come tornare al mio paese. Rimini forse è un compromesso tra le due cose.
Lorenzo: Sì, mi piacerebbe molto!
Ambra: Ho già deciso di restarci!



Rimani aggiornato: metti “Mi Piace” a The Teller.