CONDIVIDI

Tensioni tra maestre della scuola dell’infanzia e le forze dell’ordine al presidio, davanti al Dipartimento della funzione pubblica, organizzato dai dipendenti capitolini per lo sciopero proclamato dall’Usb. Di fronte a palazzo Vidoni, dove stanno protestando da cinque giorni le educatrici e maestre di nidi e scuola dell’infanzia, gli agenti in tenuta antisommossa hanno impedito alle manifestanti di entrare in corso Vittorio Emanuele. La tensione è durata alcuni minuti.

Il motivo della protesta – “Lo sciopero – si legge in una nota dell’Usb – è indetto per un vero piano assunzionale per la stabilizzazione del personale precario di scuole e nidi e il superamento dei vincoli normativi imposti dal governo per gli Enti Locali; per un contratto decentrato che cancelli le infamie contenute nell’atto unilaterale, a partire dal sistema di valutazione passando per la restituzione dei diritti cancellati; per il mantenimento intatto del fondo del salario accessorio nei prossimi anni e il respingimento delle richieste del Mef; per la revisione completa degli orari di apertura al pubblico degli sportelli Anagrafici, per coniugare i tempi familiari del personale con l’efficienza dei servizi alla cittadinanza”.

Madia_insegnanti
La Ministra Madia incontra un gruppo maestre all’interno della chiesa di Sant’ Andrea della Valle

Incontro con la ministra Madia – La pagina facebook della sigla Usb fa sapere che è terminato da qualche minuto l’incontro tra la delegazione delle maestre precarie USB e la Ministra Madia ottenuto dopo una settimana di presidio del Dipartimento della Funzione Pubblica, lo sciopero nazionale di oggi e l’occupazione di un folto gruppo di maestre della chiesa di Sant’ Andrea della Valle.
La Ministra ha comunicato che il Governo sta lavorando ad una soluzione generale che riunifichi e risolva le molte tipologie di precariato in essere. Ha garantito che tale soluzione,già allo studio sarà definita in tempi stretti e che convochera’ subito un incontro per illustrare la soluzione trovata. Queste le prime notizie che USB giudica decisamente positive.