CONDIVIDI

Video in live streaming dove ragazze, spesso minorenni, si esibiscono in spettacoli sexy mentre mangiano una banana. Una pratica molto diffusa in Cina, tanto da spingere il governo asiatico a vietare questi contenuti ai diversi siti che offrono intrattenimenti erotici. A riferirlo è la tv statale della Repubblica popolare, Cctv che spiega come nel mirino dei controllo governativo ci siano anche gli indumenti indossati dalle ragazze durante la trasmissione dello streaming.

Il fenomeno è molto diffuso in Cina, dove sono particolarmente popolari le sessioni di webcam in cui ragazze giovanissime, talvolta anche sotto i 18 anni, intrattengono i visitatori in chat o cantando canzoni in cinese. Gli spettatori di questi video sono per il 26% minorenni, mentre il 60% dei creatori di questi contenuti sono sotto i 22 anni. I tre quarti di chi fruisce di questi contenuti, neanche a dirlo, è di sesso maschile. Per limitare questo fenomeno considerato dal governo cinese “inappropriato” e che “danneggia la morale sociale”, ha iniziato una serie di indagini contro le piattaforme di streaming con l’accusa di diffondere contenuti pornografici e violenti.

Il giro di vite ha scatenato i commenti nei social network cinesi, a metà tra il polemico e l’ironico. In tanti si chiedono come sarà possibile decidere ciò che è provocatorio quando si mangia una banana, mentre altri si domandano se «anche ai maschi sarà vietato di fare video mentre mangiano banane?». E c’è già chi mette le mani avanti sui possibili modi in cui verrà aggirato il divieto :«Adesso inizieranno a mangiare i cetrioli o magari patate dolci».

Rimani aggiornato: metti “Mi Piace” a The Teller.

CONDIVIDI