CONDIVIDI

Il raduno nazionale dei Bersaglieri è uno di quei supereventi che finchè non ci vai non riesci a capire quanto sia imponente. Sul lungomare di Rimini hanno sfilato migliaia tra militari, veterani ed appassionati. Tra questi c’era anche mio padre, ci ero andato per quello, ma una volta li ho scoperto tutto un mondo che non mi aspettavo.

Innanzitutto marciare tutta la mattina sotto il sole è davvero faticoso. Che si faccia in divisa o in giacca e cravatta cambia poco, serve davvero una bella forza di volontà. I più temerari sfilano con divise storiche in panno di lana. Il premio del più stoico lo vince sicuramente un bersagliere che indossa la mise della Grande Guerra con tanto di bicicletta pieghevole in spalla, per un totale di 38 kg di equipaggiamento.

La forza di volontà serve anche ad amici e familiari. La sfilata, o sfilamento come la chiama in gergo tecnico lo speaker, dura pochi secondi, ma l’attesa può durare anche diverse ore. Veder passare una fanfara che intona la classica carica dei bersaglieri, devo ammettere, fa sempre un certo effetto, anche se in un giorno intero di raduno se ne vedono sfilare quasi un centinaio il risultato non cambia.

Tra i motti storici che hanno sfilato, ce n’è uno che di storico ha ben poco, ma bensì è molto attuale e recita: “Marò liberi“, una forma di solidarietà tra corpi armati che si sinceramente non stupisce.

I più entusiasti sono i bambini, ma ho incontrato anche molti giovani che, smartphone alla mano, non si sono lasciati scappare l’opportunità di filmare le fanfare. Le città per ospitare l’evento si vestono a festa, e fanno a gara per accaparrarsi il raduno annuale. Rimini lascerà il testimone a Palermo, obbligatoria la presenza sul lungomare riminese del sindaco palermitano Leoluca Orlando giunto in Romagna per prendere le consegne dal suo omologo Andrea Gnassi. Nella città romagnola sono arrivati oltre 60mila tra bersaglieri e familiari, per un giro d’affari stimabile intorno ai 10 milioni di euro.

Dare l’idea dell’atmosfera di un evento del genere è difficile, ecco alcune delle immagini più significative della giornata.