CONDIVIDI

Sono tanti i giovani italiani che emigrano all’estero in cerca di fortuna, ma la storia di Andrea Previati, ventenne milanese, ha qualcosa di straordinario. Una borsa di studio da 42mila dollari gli ha permesso di volare da Milano a New York, alla St. John’s University che gli dà la possibilità di studiare e coltivare la sua passione: giocare a calcio. Fino a gennaio 2014 la vita di Andrea è simile a quella di tanti suoi coetanei: la scuola (dalle elementari in poi al Gonzaga) e i campi polverosi della Lombardia dove mette in mostra le sue doti negli Juniores del Verbano. Poi, dopo la maturità scientifica, la decisione di andare a studiare negli Usa, un sogno americano conquistato grazie a un mouse e a una tastiera. Nell’universo del Web Andrea si imbatte nel portale “Yourfootball.com” creato nel 2012 da Matteo e Gabriele Cioffi. Il sito promuoveva il progetto “Yourcollege”, dove partendo da una selezione online si poteva partecipare a uno stage che avrebbe premiato il miglior giovane calciatore con una borsa di studio da 42mila dollari per quattro anni presso la St. John’s University a New York.

andrea-previati 2
Andrea Previati il giorno della presentazione

“Mi sono iscritto senza dire niente a nessuno e ho mandato un video per farmi conoscere”. Poi arriva la telefonata che gli cambia la vita: “Mi hanno chiamato per la selezione sul campo, a Firenze. Un allenamento seguito da una partita, ho fatto bella figura e i coach americani mi hanno scelto”. Una vita che cambia, un paese nuovo, una cultura nuova. Andrea, studente modello e centrocampista dai piedi buoni, si traferisce negli States per studiare Economia e Management sportivo e giocare nel campionato universitario con la maglia del St. John’s Soccer. Per lui si prospetta un futuro nel calcio professionistico Usa: “Il livello del calcio statunitense è alto – spiega Andrea – c’è grandissima serietà ma anche competitività. L’ho capito quando all’esordio in Ncaa (National Collegiate Athletic Association) mi sono trovato a marcare l’ex numero dieci del Borussia Dortmund Primavera”. “In America – sottolinea il giovane studente milanese – è possibile praticare sport ad alto livello e proseguire gli studi”. E farlo nella seconda università più prestigiosa degli Usa in cui: “Le iscrizioni dal 2003 ad oggi sono aumentate del 321%”. Previati ha trovato negli States la sua grande opportunità, che richiede però tanti sacrifici: “Qui lo sport, oltre che lo studio, è vissuto con molto rigore e disciplina, anche se sei bravo non puoi permetterti mai di essere sopra le righe. Devi essere serio dalle sette di mattina alle dieci di sera. In Italia è brutto sentirsi dire che devi scegliere tra studio e sport, si dovrebbe capire che lo sportivo non è un cretino…”

Rimani aggiornato: metti \”Mi Piace\” a The Teller.

Crociera sul Mediterraneo a partire da 510€